fbpx

Capita di intervenire su fabbricati laddove sono state impiegate soluzioni inadatte per quel caso ad arrestare il cedimento delle fondazioni; tra queste c’è la sottofondazione in cemento armato.

lo scopo di una sottofondazione è quello di diminuire la pressione sul terreno di fondazione aumentando la superficie di contatto tra quest’ultimo e il fabbricato e di trasferire i carichi più in profondità.

Difronte a cedimenti dovuti ad essiccamento delle argille bisognerebbe conoscere a quale profondità queste non risentono delle variazioni meteoriche e a quella quota gettare la nuova sottofondazione, inoltre è necessario creare un valido vincolo tra questa e la fondazione esistente.

Le immagini sono quelle di uno scavo che abbiamo eseguito per intervenire dove una sottofondazione, fatta eseguire in passato dal committente da altra impresa, non aveva ottenuto i risultati sperati. La profondità di posa della sottofondazione, di 1.5 m circa, era del tutto insufficiente e l’innesto della stessa al fabbricato esistente quasi nullo.

La nostra scelta per risolvere la problematica del nostro cliente è stata quella di creare innanzitutto un  cordolo di fondazione, dato che il fabbricato ne era privo, utilizzando una trave in acciaio HEA inserita per conci; in seguito sono stati inseriti pali a contrasto al di sotto della trave che hanno raggiunto il rifiuto a quote comprese tra i 5.0 m ai 7.0 m.

Con le nostre tecnologie e la nostra esperienza possiamo garantire al cliente il definitivo arresto del cedimento dei muri ammalorati oggetto del nostro intervento.