fbpx

La causa predominante del cedimento differenziale delle fondazioni è la caratteristica delle argille di variare volume al variare del loro contenuto d’acqua; nei periodi siccitosi  si contraggono, portando i fabbricati a subire degli abbassamenti irregolari, che non venendo tollerati, generano lesioni e crepe sulle murature.

Le argille hanno questo comportamento solo in superficie, e in misura decrescente, fino a ad una profondità di 3/5.0 m ; è chiaro che la nuova fondazione su pali ha la doppia funzione di trasferire il carico oltre lo spessore delle argille rigonfianti e raggiungere un sub-strato con caratteristiche meccaniche idonee a supportare il carico di esercizio del palo.

Spesso veniamo chiamati ad  intervenire presso abitazioni dove i proprietari si erano lasciati convincere che un intervento con le resine espandenti avrebbe risolto la loro problematica; come si evince dalle foto che abbiamo preso durante gli scavi, le resine non vanno a trasferire il carico del fabbricato in profondità, non cambiano le caratteristiche del terreno, generano qualche “cuscinetto” che spesso non si trova nemmeno al di sotto delle fondazioni ma sul loro fianco o sotto il pavimento.

L’unico metodo per arrestare per sempre i cedimenti differenziali è l’installazione di pali, tra i quali, i più performanti, sono quelli a contrasto.